HomeAttualitàI Patti per la Lettura della Sicilia Occidentale al Salone Internazionale del...

I Patti per la Lettura della Sicilia Occidentale al Salone Internazionale del libro di Torino

Presentati i festival letterari della provincia di Trapani

Quest’anno, per la prima volta, al Salone Internazionale del libro di Torino, con l’obiettivo di fornire una visione d’insieme del sistema culturale trapanese, sono stati promossi i festival e le rassegne di letteratura, saggistica e approfondimento culturale del territorio della provincia di Trapani.

Ricco il calendario presentato nello stand della Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e nello stand del Cepell, Centro per il libro e la lettura.
Oltre diciassette festival, da maggio a ottobre, sei mesi di cultura e lettura. Dodici i luoghi coinvolti: Trapani, Marsala, Custonaci, San Vito lo Capo, Castellammare del Golfo, Partanna, Valderice, Selinunte, Mazara del Vallo, Scopello, Gibellina, Salemi.

Una varietà di proposte e location che dimostrano che in provincia di Trapani la cultura della lettura è vivissima e va solo valorizzata.
Una collaborazione tra i Comuni, il Distretto Turistico della Sicilia Occidentale e la Rete bibliotecaria BiblioTP della Soprintendenza dei beni culturali e ambientali di Trapani, per realizzare la prima mappatura di tutte le iniziative legate alla letteratura sul territorio, pensata non solo per aiutare il pubblico di appassionati, turisti e viaggiatori ma anche gli addetti ai lavori a orientarsi nell’offerta di eventi legati alla letteratura.

L’assessora alla cultura del Comune di Trapani Rosalia d’Alì era presente a Torino insieme ad altri rappresentanti istituzionali.“La presenza al Salone Internazionale del libro di Torino – commenta – è un altro tassello di questo processo di promozione della cultura, nonché di promozione dei libri e della lettura che abbiamo attivato in questi anni nel nostro territorio. Il patto per la cultura che abbiamo firmato l’anno scorso, è uno strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura adottato dal Centro per il libro e proposto a istituzioni pubbliche e soggetti privati. Abbiamo aderito come Comune di Trapani insieme alla Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali di Trapani e BiblioTP – Rete delle Biblioteche della provincia di Trapani, coinvolgendo librerie, case editrici, scuole.
I vari attori della filiera del libro e della lettura e gli stakeholder (pubblici e privati) insieme per rendere il libro un’abitudine sociale, questo il messaggio che vogliamo lanciare” .

“La lettura è una risorsa strategica su cui vogliamo investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta tra i diversi protagonisti presenti sul territorio. La partecipazione al Salone Internazionale del Libro è una sorta di trampolino di lancio che permetterà di mettere in campo obiettivi, risorse e iniziative di un certo livello”, conclude l’assessora d’Alì.

A breve l’amministrazione comunale renderà noti i dettagli per la partecipazione della Città di Trapani al Bando di Capitale Italiana del Libro 2022.

[td_block_1 custom_title="Must Read" limit="4" f_header_font_transform="uppercase" ajax_pagination="next_prev" block_template_id="td_block_template_2" m4f_title_font_family="394" m4f_title_font_weight="700" m6f_title_font_family="394" m6f_title_font_weight="700" sort="" offset="4" m4f_title_font_size="eyJhbGwiOiIyMCIsImxhbmRzY2FwZSI6IjE4IiwicG9ydHJhaXQiOiIxNiJ9" m4f_title_font_line_height="1.3"]